65_energia_solare.jpg


Gallery

Conto energia per le rinnovabili termiche: circola la bozza

Il settore delle rinnovabili auspica e attende da tempo un sistema incentivante dedicato alle rinnovabili termiche, da qualche settimana è al vaglio una bozza.
Il testo, datato 6 giugno 2012 e con l’intestazione del Ministro dello Sviluppo Economico, del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, è una bozza e dunque è ancora in analisi e passibile di variazioni anche sostanziali.
Da questa bozza si apprende che sono incentivabili (in edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale, dotati di impianto di climatizzazione) gli interventi di incremento dell’efficienza energetica come: isolamento di superfici opache, sostituzione di chiusure trasparenti comprensive di infissi, sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con generatori di calore a condensazione, installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento fissi o mobili, non trasportabili, in edifici esistenti.
Sono incentivabili inoltre i seguenti interventi di piccole dimensioni di prosuzione di energia termica da fonti tinnovabili e di sistemi ad alta efficienza: sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore elettriche o a gas, anche geotermiche; sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con generatori di calore alimentati da biomassa; installazione di collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling; sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua in pompa di calore.
Questi interventi sono incentivabili in rate annuali costanti, per un arco di tempo che va dai 2 ai 5 anni, vi è inoltre una distinzione tra tecnologie per cui sarà possibile ricevere incentivi solo da parte delle amministrazioni pubbliche e tecnologie che potranno essere incentivate anche per i privati. Di seguito la tabella con i dettagli.
[Fonte principale: Expoclima.net]